Sfoglia il giornale

lunedì 24 maggio 2021

Su Instagram c’è chi mi perseguita

Alessia Marcuzzi confessa di essere vittima da anni di minacce di morte. « Controllare sempre che un messaggio provenga da un account verificato col baffo blu - spiega la Marcuzzi, parlando del suo profilo finto su Twitter - Purtroppo a volte è facile confondersi. 

Mi viene anche voglia di domandare a Twitter come fosse possibile che l’utente fake avesse il mio stesso indirizzo». 

Alessia Marcuzzi ama le possibilità infinite dei social, ma conosce a sue spese anche l’altro lato della medaglia, quello oscuro. 

“Da anni sono vittima anche di minacce di morte, ma non ho mai deciso di parlarne enfatizzando la cosa, come hanno fatto gli altri. Non mi piace”“Poi su Instagram, dove ho un sacco di follower, c’è un incubo fisso: un account partito come Macelleria vegana (poi didattica) e centinaia di varianti con Macelleria, che ogni giorno mi riserva di tutto. Sono costantemente a fare denunce alla Polizia Postale. Viene chiuso e riapre con un numerino diverso alla fine. Credo sia un hater pericoloso. E se mi aspettasse sotto casa?”.


#byomar

Nessun commento:

Posta un commento