Sfoglia il giornale

martedì 11 maggio 2021

Lanciati 250 razzi da Gaza, Israele colpisce 140 obiettivi militari

La aviazione israeliana ha colpito 140 obiettivi militari a Gaza. Manifestazioni di protesta anche in località arabe di Israele. I combattimenti iniziati ieri fra Hamas ed Israele sono stati chiamati dall'esercito israeliano 'Operazione Guardiano delle Mura'. A Gaza le milizie palestinesi hanno allestito una sala comune di operazioni.

Nei loro media i lanci di razzi verso Israele sono chiamati 'Operazione Spada di Gerusalemme'. Allo scadere dell'ora indicata, le 18, sono stati 150 i razzi lanciati da Gaza verso il territorio dello stato ebraico, riferiscono i media. Immediata la risposta di Israele che ha colpito a Gaza uccidendo, secondo il portavoce militare, tre miliziani. Mentre il ministero della Sanità di Hamas a Gaza ha parlato di 20 persone uccise nel nord della Striscia, fra cui 9 minorenni.

Tel Aviv e varie altre cittadine limitrofe, tra cui Rishon Lezion e Ramat Gan, hanno aperto i rifugi pubblici antimissile a causa dello scontro con Gaza e delle possibilità dell'arrivo di razzi. L'esercito israeliano ha intrapreso «un'ondata di attacchi contro obiettivi terroristici nella Striscia di Gaza», ha fatto sapere in serata il portavoce militare. «Il significativo aumento della violenza nella Cisgiordania occupata, a Gerusalemme Est e a Gaza e dintorni, deve cessare immediatamente. Il lancio di razzi da Gaza contro le popolazioni civili in Israele è del tutto inaccettabile e alimenta dinamiche di escalation».

Saraya al-Quds, l'ala militare della Jihad islamica, ha rivendicato il lancio di 30 razzi verso Israele. In Israele è stato confermato il lancio del razzo «che però ha colpito un veicolo civile, e non militare». «Israele colpirà con grande potenza, non tolleriamo attacchi al nostro territorio, alla nostra capitale, ai nostri cittadini e ai nostri soldati. » In una nota del portavoce ha «esortato Israele a cessare le demolizioni e gli sfratti, in linea con i suoi obblighi ai sensi del diritto internazionale umanitario».

#byomar

Nessun commento:

Posta un commento