Sfoglia il giornale

sabato 9 gennaio 2021

Il marito di Guendalina Tavassi torna sul social: 'Mia moglie un privilegio che a oggi mi invidia mezza italia’









Il marito di Guendalina Tavassi torna sul social. Umberto D'Aponte, dopo il furto dei video intimi della moglie, vittima di revenge porn, era andato via da Instagram, non voleva più avere niente a che fare con il mondo del web. Ora, a un mese dal fattaccio, pubblica uno scatto in cui si fa vedere in primo piano. Nelle sue IG Stories scrive: “I’m come back”. Poi accompagna la foto con un lungo post in cui racconta come si è sentito e sottolinea: “Mia moglie è un privilegio che mi invidia a oggi mezza Italia”. “Tante sono le cose che vorrei urlare ma per rimanere pacato e composto ho scelto di scrivere. ‘Vado a leggervi’”, esordisce Umberto. Poi continua: “Ho scelto di vivere anche questa situazione silenziosamente...sì perché il silenzio è dei giusti il silenzio è sempre dignitoso. Ma per me hanno parlato tanti, troppi”.
“Quello che è successo a me e alla mia famiglia non lo auguro a nessuno, un momento del genere in un periodo del genere, dove già il COVID 19 ha turbato le nostre esistenze tediando la nostra serenità - prosegue D’Aponte - Ma oggi non sarò qui a parlarvi di ciò che mi ha fatto male ma come sempre la mia vita mi ha insegnato vi dico quello che mi ha fatto bene: ho riscoperto l’unione della mia famiglia. L’affetto delle persone perbene che se ti vedono a terra ti porgono una mano e non scagliano la pietra”.
Infine tira una stoccata a tutti i maligni e a chi ha commesso il grave reato: “E poi ho scoperto che mia moglie è un privilegio che mi invidia a oggi mezza Italia. E continuò a goderlo come mio privilegio”. Ha deciso di farsi scivolare addosso le cattiverie e i commenti negativi. E' felice con Guendalina e i suoi due bambini, Chloe, nata nel 2013, e Salvatore, 5 anni. Chi voleva distruggere la loro serenità, è riuscito solo a intaccarla per breve tempo: la vita insieme va avanti a testa alta e senza alcun timore.
#BYOMAR

Nessun commento:

Posta un commento