Sfoglia il giornale

sabato 23 gennaio 2021

Amadeus: «Sanremo ad aprile o maggio? No. O tutti uniti per marzo o nel 2022»

A poche settimane dal Festival più complicato in 70 anni di Sanremo, Amadeus affronta tutti i temi più spinosi sul tavolo in questi giorni. Lei pensa anche allo show ma non mancano le polemiche... «Sanremo è abituato alle polemiche, cambia l’argomento ma le discussioni sono sempre tante». « Nel caso di Sanremo però parliamo di uno studio televisivo, come succede per tanti altri programmi».

Garanzie per un Sanremo in piena sicurezza: «Se il protocollo sanitario è preciso le cose si possono fare. Con Sanremo Giovani la Rai lo ha dimostrato».

Rimandare Sanremo: «Se lo posticipi a maggio non è Sanremo, ma il Festivalbar. Se così fosse firmerei subito, ma a maggio probabilmente saremo più o meno nella stessa situazione. Lo devo volere la Rai, la discografia e la città di Sanremo. » .

Una Rai compatta: La Fimi però è scettica, chiede un Festival blindato, solo televisivo... «Mi sento quotidianamente con le major e gli indipendenti, con tante persone che mi chiedono di fare un grande Festival perché la musica è in fin di vita. Il Festival blindato non serve a niente, non è uno spettacolo televisivo, passerebbe alla storia per il Sanremo del Covid, per il Sanremo della desolazione. Intorno al Festival da 70anni a oggi è sempre stato costruito uno spettacolo. » Sanremo città però sarà inevitabilmente blindata.

Sala stampa ridotta a meno di 100 persone: «Una rappresentanza di giornali, web e radio è fondamentale, in sicurezza, con protocollo e tamponi.

#byomar

Nessun commento:

Posta un commento