Sfoglia il giornale

sabato 26 dicembre 2020

A chi spettano assegni INPS da 450 a 900 euro mensili per le pensioni di invalidità?


A chi spettano assegni INPS da 450 a 900 euro mensili per le pensioni di invalidità?
pensione invalidità
La Redazione di ProiezionidiBorsa risponde ai Lettori che chiedono a chi spettano assegni INPS da 450 a 900 euro mensili per le pensioni di invalidità. Esistono numeroso prestazioni previdenziali a favore dei soggetti che hanno perso del tutto o in misura parziale la capacità di provvedere a se stessi. Nella categoria dei contribuenti disabili rientrano tutti coloro che devono necessariamente rivolgersi ad altri per ricevere assistenza. Nella maggior parte dei casi il soggetto con invalidità incontra molti ostacoli e limitazioni nella vita di tutti i giorni. Persino per l’adempimento delle più semplici azioni quotidiane i contribuenti che soffrono di malattie invalidanti non possono fare a meno dell’aiuto altrui.
Anche chi assiste anziani e disabili matura il diritto a sussidi di natura economica e a permessi lavorativi con retribuzione. Nell’articolo “In arrivo aiuti economici da 500 euro al mese per chi assiste disabili” troverete aggiornamenti in merito. Ciò perché nel corso del tempo cambiano gli importi che lo Stato eroga ai soggetti inabili e anche le modalità e la durate delle misure assistenziali. Torna pertanto utile capire a chi spettano assegni INPS da 450 a 900 euro mensili per le pensioni di invalidità e quali i requisiti necessari.
A chi spettano assegni INPS da 450 a 900 euro mensili per le pensioni di invalidità
Per conoscere i destinatari di questi trattamenti previdenziali occorre consultare il testo del Decreto del 3 novembre 2020. In esso il Ministero della Difesa indica i requisiti di cui devono essere in possesso i grandi invalidi per beneficiare degli assegni INPS. La prestazione previdenziale raggiunge difatti chi percepisce la pensione di guerra o del servizio e presenta patologie invalidanti che richiedono la presenza di accompagnatori. Nel caso in cui l’Ente previdenziale non riesca ad assicurare l’assistenza da parte di un accompagnatore, il titolare di pensione riceve contributi economici. Pertanto la liquidazione degli assegni mensili scatta laddove non subentra un obiettore o un volontario del servizio a prestare assistenza al disabile. L’ammontare dell’assegno è pari a 450 euro se il grado di invalidità non rende del tutto inabile il percettore del rateo pensionistico. In presenza invece di gravi limitazioni e compromissioni delle abilità quotidiane l’importo della prestazione sale a 900 euro.

Nessun commento:

Posta un commento