Sfoglia il giornale

venerdì 20 settembre 2019

Emma Marrone: "Mi devo fermare"

La cantante, 35 anni, che già in passato aveva avuto affrontare un tumore alle ovaie per cui è stata operata due volte, come lei stessa ha raccontato in diverse occasioni, ha aggiunto: "Per questo motivo non sarò presente a Malta per il concerto di RadioItalia che ringrazio per l'immediata comprensione". "Inutile dirvi - ha proseguito la cantante - l'immenso dispiacere che provo per tutti quei ragazzi che hanno speso dei soldi in voli aerei e alberghi per venire fino a Malta per sostenermi: Non avete idea di quanto mi sarebbe piaciuto essere su quel palco e cantare per tutti voi. Vi prometto che tornerò più forte di prima. Ci sono troppe cose belle da vivere insieme". Nel finale del post, Emma ha rassicurato i fan: "Adesso chiudo i conti una volta per tutte con questa storia e poi torno da voi. Grazie e state sereni davvero. Andrà tutto bene".

L'artista aveva raccontato la sua lotta al cancro in un incontro a Repubblica con un gruppo di studenti delle scuole superiori. "Quando abbiamo scoperto la malattia è iniziata una trafila lunga e dolorosa - aveva detto rispondendo alle domande dei ragazzi - Ho visto i miei genitori sgretolarsi di fronte a questa notizia, invecchiare di colpo. È come se tutto quello che mi stava succedendo in realtà non stesse succedendo a me: ho avuto la forza di staccarmi da tutto e reagire con una rabbia incredibile nei confronti della malattia. Credo molto nel destino ma anche nell'aiuto dato dalla forza che possiamo tirar fuori: quando tutto stava crollando intorno a me, l'unica che ha tenuto duro sono stata io, volevo resistere e vincere fino alla fine".
Emma ha accettato di dare la sua testimonianza per rompere i pregiudizi sulla malattia, ma soprattutto per parlare di prevenzione lanciando un messaggio preciso: "Usate il preservativo, ragazzi e ragazze, senza timore di essere giudicati perché avete avuto o state facendo delle esperienze. È giusto farne, ma è importante farlo considerando sempre la prevenzione”. E ha voluto sottolineare l'importanza di parlarne senza tabù: "Ci stiamo abituando all'idea di dover essere sempre belli, sempre perfetti, e la malattia in quest'ottica viene vista come qualcosa che mina questa perfezione, che non va bene e ci rende imperfetti e vulnerabili. Ma non è così: in realtà bisognerebbe parlare più delle imperfezioni e delle diversità, perché sono queste in fondo che ci rendono veramente unici. Parlatene con gli adulti se avete l'impressione che qualcosa non torni: non bisogna aver paura se sentite o vedete che qualcosa non va nel vostro corpo".
Di recente Emma Marrone aveva annunciato un nuovo album per i suoi primi dieci anni di carriera iniziata dalla vittoria al talent Amici, anticipato dal brano Io sono bella scritto per lei da Vasco Rossi con Gaetano Curreri. E proprio ieri ha pubblicato su Instagram un assaggio della canzone con il commento: "Finire il video sotto una cascata di acqua fredda è stato pazzesco e rigenerante". Un post che ha superato 230mila visualizzazioni e centinaia di commenti, tra cui quello di Tiziano Ferro ("Sei bella sì"). Ad agosto è stato proprio Tiziano Ferro a pubblicare la foto di un insolito trio a Los Angeles con lei e Tommaso Paradiso. L'ultimo lavoro di Emma risale a novembre dello scorso anno con Essere qui, un album con tre inediti pubblicato anche in una edizione speciale con un magazine. In occasione dell'uscita del disco e del tour è tornata a raccontare della sua malattia pubblicando una sua foto con la cicatrice sull'addome che testimonia la sua sofferenza e la doppia battaglia vinta contro il cancro alle ovaie: "Non ho fatto in tempo a metabolizzare la prima cicatrice che mi hanno riaperto di nuovo. È come se fosse sempre stata parte di me, una piccola parte di me sapeva che dovevo passare anche da lì - ha detto l'artista - è come quando ti fai un tatuaggio, e dopo tanti anni credi che sia sempre stato lì. È una parte del mio corpo e dei ricordi che ci sono sempre stati nella mia vita". Una cicatrioce che non si pouò cancellare: "A parte qualche disturbo tecnico, per esempio la sento tirare quando cambia il tempo, ora la guardo e ne vado fiera".

Nessun commento:

Posta un commento